La Bufaletta di Pontinia tra i 21 marchi DE.CO. laziali

Si è svolto ieri pomeriggio, 13 marzo 2018, presso la Città dell’altra economia a Roma la presentazione del Progetto “Origine Comune” promosso da Anci Lazio e sostenuto dal Consiglio regionale del Lazio. Occasione per la presentazione di 21 eccellenze agro alimentari del Lazio che sotto la Denominazioni Comunali di Origine (DE.CO.) promuovono i loro prodotti caratteristici.

Tra i protagonisti della manifestazione il Comune di Pontinia che attraverso una sua delegazione capitanata dall’Assessore allo sviluppo del territorio Matteo Lovato, ha potuto presentare e far degustare uno dei suoi prodotti caratteristici “la Bufaletta”.

Il progetto non si soffermerà solo al riconoscimento del prodotto, ma punterà a integrare le azioni di tutela con la valorizzazione dei prodotti, coinvolgendo l’intero tessuto produttivo e commerciale del Comune, con particolare attenzione al turismo, alla ristorazione e alla piccola distribuzione alimentare. Il prodotto locale è figlio del lavoro, della cultura, della tradizione dei comuni laziali e attraverso alcune azioni significative Anci Lazio ha intenzione di sostenerlo concretamente e offrire una ribalta di primo piano insieme ai prodotti che hanno una qualità superiore e necessitano di essere protetti e valorizzati.

La bufaletta di Pontinia è un piatto strettamente legato al territorio. Il Bufalo, infatti, era l’unico animale in grado di vivere nell’ambiente paludoso dell’Agro Pontino e quindi faceva parte di un ecosistema naturale sia come risorsa alimentare che come risorsa da dedicare al lavoro. Sono note le caratteristiche nutritive della sua carne e del suo latte. La partecipazione della “ bufaletta di Pontinia” al riconoscimento DE.CO. è dovuta ad una sua particolare ricetta: uno spezzatino brasato al quale si aggiungono delle erbe aromatiche tipiche del litorale pontino e dei Monti Lepini, questa particolare ricetta, gelosamente custodita dalle famiglie contadine del Luogo, viene preparata in occasione dei giorni di Festa.

Attualmente è possibile acquistarla presso alcune aziende di Pontinia coinvolte nel progetto:

Campana Street Food  -via Migliara 47 – www.campanastreetfood.it

Ristorante sciampagna  – strada marittima 70

Alan Farm – via Migliara 51 (mesa di Pontinia)

Il Casareccio – strada del Quartaccio 2505

L’angolo del Tagliere – Viale Europa 11

Old River Pub 2.0 – Via dei Volsci 3

Bull Pub – Via della Libertà 42

Ristorante l’ ARCA – via Migliara 43

La Margherita – piazza Indipendenza

Pizzeria Trattoria Capocavallo – via migliara 52, 2245 (Frasso)

C’era una volta – Ristorante Pizzeria Braceria – via Migliara 47 ½ destra 7

Agriturismo il Corbezzolo – via Migliara 47 ½ destra 501

Materiaprima Osteria Contemporanea – via Sardegna 8

Ristorante Essenza – via G.Leopardi 2

A conclusione dell’incontro si è effettuata la degustazione di alcuni dei ventuno prodotti con la cantina Casale del Giglio che ha offerto una degustazione dei loro vini abbinati ai prodotti di “Origine Comune”. I Comuni che, con le loro specialità agro alimentari, hanno aderito al progetto sono: Bassiano, prosciutto di Bassiano; Rocca Priora, tozzetto; Poggio Mirteto, cacio Magno; Canepina, Fieno di Canepina (pasta); Labico, roncoletta labicana e nocciola tonda gentile; Campoli Appennino, tartufo; Morolo, gran cacio; Ventotene, lenticchia; Cori, prosciutto cotto al vino di Cori; Nepi, salame cotto; Genazzano, barachia; Rocca di Papa, ciambella degli sposi; Trevignano Romano, pesce marinato; Monterotondo, ciammella a zampa; Marino-Pontinia, ciambella al mosto e bufaletta; Saturnia, zeppolone; Palestrina, panpepato; Castelliri, aglio di Castelliri; Velletri, pane casareccio.