L’architettura dei palazzi dell’Istituto Nazionale delle Assicurazioni, terminati di costruire successivamente all’inaugurazione di Pontinia (1935), costituiscono un esempio riuscito di forte integrazione con l’edificio del Comune al quale sono collegati attraverso gli alti e stretti sottopassaggi. Questi ultimi sembrano gli omeri da dove parte l’abbraccio, rappresentato dalla simmetria degli edifici residenziali e commerciali dell’INA, che cinge Piazza Indipendenza. Questi edifici, caratterizzati dai portici che ne alleggeriscono la mole assolvendo alla funzione commerciale, costituiscono le quinte scenografiche della piazza. Il sodalizio architettonico che vincola questi edifici alla casa comunale, è riconoscibile nello stile e nell’uso del travertino che evidenzia facciate e loggiati nel rispetto della vocazione rurale di Pontinia [tratto da www.pontiniaweb.it a cura di Antonio Rossi]

Sto caricando…